.

05/09/2016 - 18:14:55

             2533

StartNews.it

 

PIAZZA ARMERINA -CIMINO:''MIRODDI NON POTENDO PARLARE A FAVORE DI SE STESSO PARLA CONTRO GLI ALTRI''

''Un primo cittadino che oltre a disconoscere le leggi democratiche dimostra di non conoscere neanche quelle della buona educazione''


Piazza Armerina -Cimino:''Miroddi non potendo parlare a favore di se stesso parla contro gli altri'' [comunicato stampa

In qualità di capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale e interpretando anche il pensiero dei colleghi d’opposizione, ritengo sia molto grave oltre che offensiva l’affermazione del sindaco Filippo Miroddi che ha paragonato, nel corso di una trasmissione radiofonica, alcuni di noi a “porci che non possono più dissetarsi” e per questo ideatori di particolari strategie finalizzate a mettere fine alla sua amministrazione.
E’ grave che un sindaco di una città usi tali termini per definire i consiglieri d’opposizione che sempre nel rispetto delle regole e chiedendo il rispetto delle regole svolgono la funzione che la democrazia gli attribuisce. 

La frase del sindaco non solo offende una parte del consesso civico ma anche l’intera cittadinanza piazzese che non può essere rappresentata da un primo cittadino che oltre a disconoscere le leggi democratiche dimostra di non conoscere neanche quelle della buona educazione. Ci rendiamo conto del suo stato d’animo al momento della trasmissione dove era chiamato a rispondere di un’estate fallimentare, di un Palio dei Normanni in tono minore e di un fallimento della sua azione amministrativa che ormai, dopo tre anni, è chiaro a tutti i cittadini.

Tentare oggi, davanti una registrazione audio inconfutabile, di voler ritrattare in parte quanto detto facendo credere che l’obiettivo della sua invettiva non erano i consiglieri comunali è semplicemente patetico. 

Miroddi non potendo parlare a favore di se stesso parla contro gli altri. Vede complotti dove non ci sono, accusa la stampa e tenta di addossare le sue colpe all’opposizione mistificando la verità dei fatti come nel caso, da lui citato, del bilancio che sarebbe stato da noi “ingessato” evitandone così l’approvazione. Peccato, per il sindaco, che il bilancio non è ancora arrivato neanche in commissione visto che manca ad oggi il parere dei revisori dei conti.

Miroddi farebbe bene a concentrarsi sulla città e sui problemi dei cittadini e prendere in seria considerazione  l’idea di dimettersi in maniera dignitosa liberando la città da una delle peggiori amministrazioni che la storia di Piazza Armerina ricordi. In ogni caso l'opposizine  non ha bisogno di particolari strategie visto che fra poco più di venti mesi sarà l'elettorato a sancire la disfatta di questo sindaco.

Lillo Cimino



 

   Iscriviti alla nostra Mailing List

>

StartNews.it
Blog
sede:  Piazza Armerina
email: info@startnews.it