.

12/02/2018 - 07:48:41

StartNews.it

 

VACANZA IN SICILIA: ALLA SCOPERTA DI SAMPIERI

Una localitÓ che negli ultimi anni Ŕ stata scoperta anche dai giovani, che hanno modo di rilassarsi in spiaggia di giorno per poi animare i locali e il lungomare di sera e di notte


Vacanza in Sicilia: alla scoperta di Sampieri Fino a una decina di anni fa era un semplice borgo di pescatori, ma anche oggi che è stata scoperta dai turisti conserva la tranquillità e il fascino di un tempo: parliamo di Sampieri, località abitata in inverno da meno di un migliaio di persone. Grazie al suo centro storico e alle sue stradine lastricate che si dipanano accanto al lungomare, è un posto magnifico per trascorrere una vacanza. Certo, il numero di pescatori si è ridotto, a favore di attività agricole e turistiche apprezzate da chiunque abbia la fortuna di capitare da queste parti. La Fornace Penna che fa da capolinea rispetto alla spiaggia, per altro, è uno straordinario esempio di archeologia industriale che, essendo collocato sulla scogliera, in un certo senso racchiude e protegge Sampieri.

Il turismo a Sampieri
Una località che negli ultimi anni è stata scoperta anche dai giovani, che hanno modo di rilassarsi in spiaggia di giorno per poi animare i locali e il lungomare di sera e di notte. L'arenile si sviluppa per un paio di chilometri, lungo i quali è difficile resistere alla voglia di bagnarsi nelle acque di un Mediterraneo che, in questa zona, è a dir poco cristallino. Non mancano i lidi che mettono a disposizione la possibilità di noleggiare ombrelloni e sdraio, ma anche aperitivi, dj set e concerti.
Chi ha in mente di godersi una vacanza da sogno in Sicilia non può che frequentare Baia Samuele, un villaggio turistico unico firmato iGV Club, collocato a una decina di chilometri da Modica, nella parte più meridionale dell'isola. Situato in una posizione privilegiata per apprezzare un mare limpido e a misura di bambino. Questo villaggio turistico sorge nel comune di Scicli, località che l'Unesco ha inserito nell'elenco dei patrimoni mondiali dell'umanità in quanto emblema del Barocco siciliano. A est si può osservare la Fornace Montalbano, mentre a ovest c'è Punta Sampieri: quel che si potrebbe definire un vero e proprio paesaggio da cartolina. Scopri di più su questa pagina 

La Fornace Penna
Insomma, ci sono proposte per tutti i gusti: e se una volta si nutre il desiderio di allontanarsi dalla folla, è sufficiente avvicinarsi alla Fornace Penna, nota anche come Mannara di Montalbano. Completata nei primi anni Dieci del secolo scorso, essa fu costruita su un progetto dell'ingegner Ignazio Emmolo, per volontà del Barone Penna, e punteggia maestosamente il mare di Punta Pisciotto. Quando era in funzione, era una delle fabbriche più avanzate di tutto il Sud Italia, anche grazie alla presenza di un forno Hoffmann, ed era in grado di sfornare fino a 10mila laterizi al giorno; le tegole e i mattoni prodotti qui erano esportati anche all'estero, in particolare in Libia e a Malta.

La storia della fabbrica
Oggi chi osserva la Fornace può notare una struttura che si sviluppa su tre piani: la sua pianta basilicale, per altro, la rende più simile a una chiesa antica che non a uno stabilimento industriale. Considerata una sorta di basilica laica, è affiancata da ciò che rimane della ciminiera, mentre tra l'edificio e i vigneti intorno è presente uno spiazzo in cui, ai tempi, i laterizi venivano messi ad asciugare prima di essere venduti. Distrutta nel gennaio del 1924, la Fornace Penna non ritrovò più lo smalto che aveva in precedenza, quando dava lavoro a circa cento persone. Nessuno ebbe mai modo di scoprire le cause di quell'incendio, per spegnere il quale si mobilitarono gli agricoltori impegnati nei fondi vicini, i marinai e i molti operai che grazie a quella fabbrica potevano sperare in un futuro roseo. 

La spiaggia di Costa di Carro
Non molto lontano si può passeggiare sulla sabbia della spiaggia di Costa di Carro: vi si può arrivare in auto o, con un pizzico di fatica in più, anche a piedi. Dopo aver percorso il lungomare di Sampieri, si giunge in un piccolo porticciolo superato il quale si apre un tratto di costa affascinante caratterizzato da una scogliera a picco sul mare: dietro c'è il lido di Costa di Carro, con le sue dune, mentre in lontananza si può ammirare la macchia mediterranea del parco extraurbano di Costa di Carro.



 

   Iscriviti alla nostra Mailing List

>

StartNews.it
Blog
sede:  Piazza Armerina
email: info@startnews.it