.

29/03/2008 - 08:13:47

             641

StartNews.it

 

ASSEGNI : DAL 30 APRILE SI CAMBIA

è in arrivo una piccola rivoluzione


ASSEGNI : DAL 30 APRILE SI CAMBIA

 E’ in arrivo una piccola rivoluzione per i cittadini italiani, con regole più stringenti nell'uso di assegni bancari, postali e circolari, libretti di risparmio e titoli al portatore, contanti. Tra le novità  più rilevanti: l'obbligo di emettere solo assegni "non trasferibili" dai 5.000 euro in su, il pagamento di una tassa di 1,50 euro ad assegno nel caso in cui si vogliano fare 'cheque' liberi e l'impossibilità  di emettere assegni "a me medesimo" se non per l'incasso di contanti da parte della stessa persona che li ha emessi. Inoltre gli assegni liberi dovranno portare per ogni girata, pena la sua nullità, anche l'indicazione del codice fiscale di chi la effettua. Le nuove norme, messe a punto dal ministero dell'Economia per adeguarsi alle direttive comunitarie e combattere riciclaggio e criminalità, prevedono anche sanzioni amministrative pecuniarie per chi non le rispetta.

Le nuove regole sono specificate in una guida stilata da Abi e Mef che verrà  presto diffusa in tutte le banche. In pratica dalla fine del mese prossimo non sarà  più possibile emettere un assegno per un importo pari o superiore a 5.000 euro senza la clausola "non trasferibile" e senza aver indicato il nome o la ragione sociale del beneficiario. Di conseguenza tutti i nuovi libretti che le banche distribuiranno a partire dal 30 aprile saranno già  muniti della clausola "non trasferibile" e potranno dunque essere presentati in banca per l'incasso dal solo beneficiario. Ma se qualcuno dopo quella data volesse comunque richiedere assegni senza tale clausola (utilizzabili sempre e solo per importi inferiori ai 5.000 euro), potrà  farlo, ma dovrà presentare una specifica richiesta alla banca e dovrà  pagare un’imposta di bollo pari a 1,5 euro ad assegno, ovvero di 15 euro a libretto.

"Tale sovrattassa - ha spiegato il direttore generale dell'Abi Giuseppe Zadra - è stata introdotta per disincentivare l'uso degli assegni trasferibili" e considerate anche le nuove clausole sull'importo e la girata, "ci aspettiamo che il numero di assegni che viene usato liberamente e che è¨ il pagamento più problemi di truffe si riduca e che il sistema delle carte di credito sia più usato perché più comodo, più conveniente e non crea alcun tipo di problema".

Padre Giuseppe Carà



 

   Iscriviti alla nostra Mailing List

>

StartNews.it
Blog
sede:  Piazza Armerina
email: info@startnews.it